Dettaglio corso RES
Registrati per accedere al corso
Accreditamento 211427
Titolo SPORT MODELLING CAMPUS
Data inizio 05/12/2017
Data fine 07/12/2017
Obiettivo N.11. Management sanitario, innovazione gestionale e sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali.
Ore 15
Crediti 22,8
Professioni Medico chirurgo, Infermiere
Discipline Allergologia ed immunologia clinica, Cardiologia, Dermatologia e venerologia, Gastroenterologia, Geriatria, Malattie dell'apparato respiratorio, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina interna, Medicina termale, Reumatologia, Chirurgia generale, Otorinolaringoiatria, Medicina generale (medici di famiglia), Infermiere, Direzione medica di presidio ospedaliero , Organizzazione dei servizi sanitari di base
Quota iscrizione Partecipazione gratuita
Luogo Castel San Pietro Terme
Indirizzo Bologna
Sponsor Evento multisponsor
Resp. scientifico Vincenzo Cennamo
Razionale Sportmodelling è un progetto multilayers basato su un approccio integrato e multi-dimensionale centrato sulle operations management e, in particolare, sulla logistica del paziente in real-time.
Nell’ambito dell’endoscopia digestiva, i meccanismi classici della programmazione produttiva, fondamentali per un’appropriata programmazione strategica, tattica ed operativa, possono risultare insufficienti per garantire una efficace ed efficiente gestione in tempo reale della capacità produttiva in base all’andamento delle procedure in sala.
La struttura di coordinamento delle attività diventa quindi una gestione di opzioni in base ai feedback di intensità dello stato di attività nelle sale. Allo stesso modo in cui una squadra reagisce alle situazioni determinate dall’interazione con gli avversari sul campo.
Sportmodelling quindi adotta lo stesso impianto dello sport, del basket in particolare, ovvero l’attribuzione di ruoli, una serie di schemi, una regia che osserva il contesto e applica le diverse opzioni di schema al contesto, con il personale che interpreta il proprio ruolo riconoscendosi facilmente all’interno del nuovo impianto di lavoro.
Per poter captare le possibili risorse riallocabili evidenziando un contesto operativo a bassa intensità di occupazione risorse, e muovere liberamente il paziente e i professionisti all’interno dello spazio-campo, dobbiamo abbattere idealmente i muri delle sale e trasformare più endoscopic suites in un unico playground. In questo modo tutto appare visibile, lo stato di avanzamento delle procedure nelle singole sale e il livello di intensità di fase (inteso come impegno di risorse richieste) con la riallocabilità di risorse e la visione dello spazio disponibile. Lavorare moltiplicando le catena logistica significa costruire un sistema a geometria variabile della collocazione dei diagrammi di flusso, mantenendo tuttavia fissa la sequenza assistenziale del paziente atta a garantire l’outcome e la sicurezza del paziente.
Per ottenere di cui abbiamo bisogno non necessaria la visione live delle sale, cosa che avrebbe un senso solo in una finalità di monitoraggio-controllo e comporterebbe, tar l’altro, problematiche rispetto alla privacy dell’utenza e del personale. Quello che a noi interessa è una semplice informazione: la visione contemporanea dell’occupazione di spazi e lo stato di intensità. Questo si è potuto ottenere grazie all’attribuzione di un codice colore ai diversi stati di fase, e grazie alla visualizzazione virtuale delle sale disponibili e di rispettivi codici colore relativi a diversi livelli di intensità di fase, ovvero di necessità di risorse di personale nelle sale nel corso delle procedure. La visione globale del campo è quindi mutuata da un software che segue il concetto digitale del visual management e la gestione dei processi. La gestione a vista applicata ai processi si basa sulla piena visibilità degli stati d’avanzamento di questi, fornita agli attori del processo, in tempo reale.
L’obiettivo che ci si pone è rendere viva e tangibile l’informazione dei risultati, da ottenere, direttamente sul processo. Con poche intuitive informazioni, si stabilisce lo stato e si individuano le azioni da intraprendere. L’azione decisa ed attuata mediante intervento su un terminale centrale che invia informazioni operative al personale medico ed infermieristico che agisce coerentemente secondo schemi prestabiliti per una gestione dinamica real-time del flusso logistico del paziente mediante l’integrazione variabile tra operatori e ambienti operativi, con variabilità del numero di sale operanti in contemporanea e variabilità delle risorse assegnate alle sale.
Segreteria organizzativa Project & Communication
M. ecm@projcom.it
T. 051 273168


<< indietro